cacca rossa

 

affusolata, addormentata, stesa su te stessa.

ti osservo qui dall’alto e dall’alto ti contemplo.

riposi, stanca, e’l calore tuo mi invade

e nel letto color ruggine tu sei immobile eppur viva.

ti guardo, chioma rossa

ti guardo e ti riguardo

e qui dentro a questo punto la paura un po’  mi prende.

“pomodori? fragole? concentrato di lamponi? cosa diavolo ho mangiato io di rosso l’altra sera?”

non ricordo oddio per zeus,

non ricordo e te lo giuro

non ricordo, non rammento, te lo giuro non rammento.

alzo il mento, impazzito per l’olezzo,

tendo il braccio, uno scroscio ed in groppa al gran bidet.

e ti vedo addormentata, ti ripenso tutta rossa

con la mano fra le cosce e la schiuma in ogni dove.

ma i pensieri vanno via come il vento tuttuntràtto

i pensieri vanno via con la voce di zio franco.

“zio franco…

cazzo…

era la ‘nduja di zio franco”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: